Domenica, 12 Aprile 2015 00:00

Erp e WWF raccolgono più di 8000 pile a Roma

Concluso il progetto didattico che ha coinvolto gli alunni delle elementari di alcuni istituti della capitale

Si è concluso con la raccolta di oltre 8.000 pile esauste il progetto didattico di ERP Italia e WWF Ricerche e Progetti dedicato al tema “Rifiuti, gestione delle risorse ed energia” che, da metà dicembre a fine febbraio scorso ha coinvolto gli alunni delle elementari negli istituti comprensivi di Roma Ferraironi (Scuola Primaria Pisacane), Luigi Di Liegro (Scuola Primaria Randaccio), Viale Adriatico (Scuola Primaria) e Pincherle (scuola primaria). Articolato in una serie di incontri formativi e laboratori didattici in aula e sulla raccolta straordinaria di pile esauste nei quartieri intorno agli istituti scolastici, l'iniziativa ha avuto il suo atto finale nella pesatura dei raccoglitori conferiti dalle scuole. Complessivamente, grazie all’impegno delle scolaresche, degli insegnanti e delle famiglie, l’ambiente della Capitale è stato alleggerito del peso e del potenziale inquinante di oltre 8.000 pile. La vittoria è stata assegnata alle classi elementari del Pincherle che, in virtù dell’abbondanza della loro raccolta, hanno distanziato i pur volenterosi coetanei degli altri tre istituti. In cambio di tanto impegno, gli alunni del Pincherle riceveranno un duplice premio. A maggio, infatti, le classi vincitrici saranno ospiti presso una delle oasi del WWF, dove riceveranno il riconoscimento ufficiale e potranno toccare con mano un ecosistema integro e protetto. Nel frattempo ERP Italia ha diffuso i risultati operativi di chiusura 2014. Per la filiale italiana dell'unico sistema collettivo pan-europeo presente direttamente in 17 Paesi - 13 UE e 3 extra UE-, il 2014 si è chiuso con un importante risultato: oltre 1.160 tonnellate (+6% vs. 2013, +26% vs. 2012) di batterie portatili di origine domestica recuperate.