Lunedì, 04 Aprile 2016 00:00

Incidenti domestici: 700.000 casi a ogni trimestre, il 68% sono casalinghe

La presidente di Federcasalinghe, e collaboratrice di Bianco & Bruno, intervistata dal TG5 nei giorni scorsi

Da una stima ISTAT, in un trimestre sono circa 700.000 i casi d’infortunio domestico. Le donne sono più infortunate  degli uomini (15 donne su mille contro 7 uomini su mille). E fra le donne, le casalinghe- ovviamente - sono più a rischio, 150.000 casi a trimestre.  Un fenomeno che ha ricadute importanti a vari livelli dell’organizzazione sociale ed economica del Paese. Pochi sanno che esiste una copertura assicurativa per le casalinghe, obbligatoria per chi svolge “esclusivamente e gratuitamente” quest’occupazione domestica. Un’assicurazione però da migliorare, secondo quanto ha dichiarato la Presidente dell’associazione, nonché collaboratrice di Bianco & Bruno, Federica Rossi Gasparrini, intervistata  dal TG5 pochi giorni fa sulla questione  in occasione di un servizio dedicato all’argomento. L’ istituzione della copertura assicurativa INAIL dedicata agli infortuni domestici è uno dei traguardi ottenuti dall’associazione che rappresenta le casalinghe italiane. Se la casa si rivela un luogo “poco sicuro”, il primato di pericolosità è conquistato dalla cucina, dove si consuma il 38% degli incidenti. Del resto nel locale strategico di casa si trova la maggior concentrazione di elettrodomestici e oggetti potenzialmente “offensivi”.  Fra i luoghi domestici più a rischio, al secondo posto si piazza il bagno con l’11,7%, seguito dalla camera da letto con il 10% degli infortuni domestici.