Ti trovi in: Famiglia & Consumi » SlowTech

Digital Detox. "Non sempre" connessi è bello

04/08/2017
In vacanza non ci sono scuse (lavorative), è il momento più adatto per allenarci a riscoprire che esistiamo. Senza smartphone

Parlando della nostra dipendenza digitale, non citeremo patologiche diagnosi o preoccupanti scenari prospettati da illustri clinici (cose vere, per carità). Ci piace l’idea di proporvi un allenamento per educarci a un migliore, indipendente rapporto con dispositivi mobili, e il periodo di vacanza è ideale. Dove troviamo le in formazioni? Online, ovvio.
 
Il “Digital detox” pensiero, ovvero: preferisco vivere
 
C’è qualcuno, Alessio Carciofi, autore del libro "Digital Detox" appunto, che ci ricorda quanto sia importante la "connessione fisica” fra esseri umani oltre che virtuale, o quanto sia necessario  ritrovare momenti di pausa, di silenzio e di concentrazione, per allontanare da noi quel senso vago di vertigine o di spaesamento dovuto a intensa attività multitasking: a un certo punto non capiamo più dove siamo e cosa stiamo facendo? Ecco, è un’overdose da connessioni. A lanciare questo bel salvagente non è il solito indisponente parruccone, in ritardo sulle nuove generazioni, ma un millenial che ha fatto di queste istanze un manifesto comportamentale per chi non riesce volontariamente a staccarsi dal dispositivo mobile. Oltre che un libro, è nato un vero business per organizzare corsi "detossinanti" e anche viaggi. E, naturalmente, il sito: digital detox
 
Alcuni consigli potrebbero sembrare  ovvi, ma (immaginiamo) potrebbe essere questione generazionale. Perchè il problema, invece, esiste e la faccenda è seria.
 
Con la premessa "Non permettere allo smartphone di frapporsi fra te e il mondo", ecco alcuni principi base del digital felix ,il manifesto Digital Detox:
Equilibrio: l’arte di trovare la giusta misura, ritrovando la centralità dei bisogni dell’anima.
Bellezza: "prendersi cura della propria interiorità, osservando ciò che ci circonda con occhi diversi" (soprattutto osservando, aggiungiamo noi)
Silenzio: uno dei veri lussi contemporanei, “riuscire ad ascoltarsi riducendo le distrazioni”
Ascolto:  “solo ascoltando si può crescere"
 
 
Bella iniziativa: la condivisione di una difficoltà, come frequentare un corso, è sicuramente un sistema utile a risolvere il problema da dipendenza.
Da parte nostra auguriamo che, proprio in vacanza, visto che c'è la possibilità e l'occasione, prevalga la voglia di stare insieme dal vivo, con il cellulare scarico. Poi tutto il resto viene da sè.
 
 
 


Bianco e Bruno

Bianco & Bruno
Periodico on line di elettrodomestici e di elettronica di consumo
infobiancoebruno.it
2017 © Gienne Editore srl. Tutti i diritti riservati. Tutti i marchi e i loghi menzionati sono dei legittimi proprietari. - P.I. 03105891208
Redazione e pubblicità  |  Iscriviti alle Newsletter

credits  |  Privacy & legal