Ti trovi in: Famiglia & Consumi » Da sapere

Accensione riscaldamento: dalla A alla F

06/10/2017
Quando far partire il termosifone lo decide il calendario della Legge, la numero 10/91

Mica possiamo farlo quando vogliamo. L'accensione degli impianti di riscaldamento è regolamentata da un calendario preciso stabilito dalla legge che ha suddiviso il nostro stivale in sei aree climatiche, contrassegnate dalle prime sei lettere dell’alfabeto. 
Perchè le Istituzioni, anche Comunitarie, concentrano tanto interesse sulla nostra caldaia e su quelle degli altri cittadini europei?  Il 40% dei consumi globali di energia della Comunità Europea viene assorbito dal riscaldamento / condizionamento  degli edifici.
Ai blocchi di partenza
I primi a poter dare il via al riscaldamento- il 15/10/2017 - saranno gli abitanti della Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Trentino, Veneto qualcuno dell’ Emilia Romagna, Toscana e anche qualcuno in Umbria. Insomma tutti quelli che vivono nel settore E delle zone climatiche definite per legge (e successivi recepimenti e aggiustamenti). La zona D potrà dare lo start il 1° novembre , grossomodo alcune regioni del Centro Nord, subito dopo arriva la zona C il 15 novembre, sono il centro e le coste; infine il 1° dicembre seguono l’area B e A le aree del Sud, e ci viene da dire beate loro. Un’area - la zona F - non ha nessuna limitazione, possiamo immaginarci anche il perchè, forse non a caso ha come simbolo la F di freddo. Una suddivisione abbastanza “spannometrica" la nostra: i confini climatici seguono più le ragione della geografia fisica piuttosto che di quella politica. Oltre che QUANDO, la normativa stabilisce anche PER QUANTO TEMPO la caldaia deve rimanere accesa, si passa dalle 14 ore della zona E, alle 12 ore per la zona D, alle 10 per la C, 8 per la B e 6 per la A, sempre beati loro, da suddividere fra le  5 di mattina e le 23,30.  In presenza di eventi climatici particolari, le zone regolamentate possono attuare “accensioni straordinarie” 
Per sapere con precisione a che fascia climatica appartiene la nostra città, QUI trovate un elenco dettgliato 
 
La legge, in osservanza delle direttive europee, è la prima in materia di risparmio energetico e si inserisce nelle “Norme per l’attuazione del Piano Energetico Nazionale in materia di uso razionale dell’energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia”.  In essa si stabilisce anche il limite di gradi che possiamo raggiungere negli ambienti, sia domestici che professionali o pubblici: 20 gradi, con una tolleranza fino a un massimo di 22. Il calendario delle accensioni è una delle prescrizioni indicate dalla legge che è finalizzata a migliorare le prestazioni energetiche degli edifici, più che a governare la nostra caldaia. Sono previste verifiche di tenuta dell’isolamento dello stabile al fine di disperdere meno calore possibile, uno degli strumenti con cui si può ridurre il consumo di energia per il riscaldamento.
 
 
 


Bianco e Bruno

Bianco & Bruno
Periodico on line di elettrodomestici e di elettronica di consumo
infobiancoebruno.it
2017 © Gienne Editore srl. Tutti i diritti riservati. Tutti i marchi e i loghi menzionati sono dei legittimi proprietari. - P.I. 03105891208
Redazione e pubblicità  |  Iscriviti alle Newsletter

credits  |  Privacy & legal