Martedì, 06 Febbraio 2018 19:23

Lorenzo Paolini (ex Amministratore Delegato Whirlpool): “Nel mio futuro un’azienda di tecnologia oppure un progetto imprenditoriale?”

Tre domande a un manager che ha condizionato per lunghi anni l'intero mercato dell'elettrodomestico.

E’ il Lorenzo Paolini di sempre quello che abbiamo sentito al telefono pochi minuti fa. Pieno di progetti, idee, e puntualmente di corsa come quando lo abbiamo conosciuto nella fase delicatissima dell’acquisizione di Indesit Company. Lo abbiamo cercato perché Paolini non è un manager come tanti, ma un personaggio che ha condizionato l’intero mercato dell’elettrodomestico per lunghi anni. Senza citare i risultati che ha raggiunto, sia in Italia che all’estero.

Come ci si sente fuori da Whirlpool, Paolini?
“Mi sono sempre ritenuto un imprenditore più che un manager. Pertanto sono portato a guardare al futuro invece che al passato. Che non dimentico, sia chiaro. I grandi amori non finiscono mai, in fondo. E quello verso Whirlpool è stato un autentico grande amore”.

E a proposito di futuro?
“Non ho alcuna fretta. Mi hanno fatto molto piacere le attenzioni che il mercato mi sta già dimostrando. Però la mia intenzione è prendermi il tempo necessario per compiere la scelta più giusta”.

Qualche indizio?
“Se sarà un’azienda, vorrei che fosse una realtà che fa dell’innovazione tecnologica la propria cifra distintiva. Un’azienda di primo piano capace di costruirsi una sua distintività, oppure una realtà che vuole affermarsi in Italia e in Europa. E se non sarà un’azienda, allora vorrei realizzare un vero e proprio progetto imprenditoriale che ho in testa da tempo”.