Mercoledì, 31 Ottobre 2018 07:32

Bianco & Bruno certifica la formazione di Eurocom

Dal 2019 la nostra testata verificherà la bontà dei corsi formativi che le industrie realizzano a beneficio dei circa 150 partner del gruppo guidato da Giacomo Benedettini.

Una magazine specializzato che certifica la formazione realizzata da un gruppo distributivo per i propri rivenditori partner? Da oggi Bianco & Bruno è anche questo. Quando i vertici di Eurocom (gruppo GRE), a partire da Giacomo Benedettini, ci proposero all’inizio dell’anno di prendere parte alle loro giornate di formazione, subito demmo la nostra disponibilità. Il tema di offrire a piccoli e medi negozianti (perché questi sono i partner di Eurocom, circa 150 per un fatturato di 70 milioni di euro) gli strumenti culturali per conoscere bene i prodotti che vendono e per realizzare una buona vendita, è uno di quelli in cima alla nostra agenda da sempre. E se consideriamo che non sono tante le strutture che in modo costante e continuo mettono in campo un programma di formazione paragonabile a quello di Eurocom, l’occasione era da cogliere. Al volo. In più siamo convinti che il piccolo punto vendita sia il format che abbia le maggiori possibilità di successo in un mercato nel quale rendere profittevole le grandi superfici significa abbonarsi a salti mortali quotidiani. Ma il piccolo punto vendita avrà successo a condizione che faccia il suo mestiere, che non è quello di vendere sottocosti o agire unicamente sull’arma del prezzo. E’ soprattutto quello di creare fiducia nei suoi consumatori, e la fiducia si crea e si cementa se il cliente viene accolto come si deve, se il punto vendita propone un ambiente piacevole, se chi vende è preparato a gestire la trattativa prima di tutto sotto il profilo umano e poi sotto il profilo professionale. Tutti aspetti a misura di piccolo operatore: sono queste le armi che egli può mettere in campo. E solo queste gli garantiranno la permanenza sul mercato senza farsi prendere dall’ansia dai premi di fine anno.

Assistendo alla formazione curata da Eurocom ma realizzata concretamente dai singoli fornitori, ci siamo accorti che i formatori delle aziende non sempre si dimostravano all’altezza della situazione. Facendolo notare a Eurocom. Da qui nasce l’idea di Benedettini di fare 31 dopo aver fatto 30. “Perché Bianco & Bruno non si prende la responsabilità di certificare la nostra formazione, facendoci conoscere il suo parere dopo ogni nostro appuntamento, compresa la formazione online?”. Già, perché? Perché no? ci siamo risposti. Un’attività di questo tipo si incardina perfettamente nel nostro modo di intendere l’informazione specializzata, la quale o è utile a chi ne fruisce oppure non è. Quante volte l’abbiamo scritto! Dunque non esiteremo a far notare i nostri rilievi (eventuali) perché se l’obiettivo è quello di rilasciare al punto vendita un vero e proprio Certificato di Qualità (lo vedete nella foto) da esporre ai consumatori finali, allora la nostra credibilità, che ci siamo costruiti in qualche decennio e per la quale lavoriamo ogni giorno (commettendo anche errori) ben volentieri la mettiamo a disposizione di chi ha bisogno come il pane di buona formazione.

Ringraziamo Eurocom per l’opportunità, e avvertiamo che romperemo le scatole quando ne ravviseremo le condizioni. Ma lo faremo affinché il Certificato abbia un senso. Questa è l’unica condizione che poniamo al nostro lavoro visto che non ce ne sono di carattere economico. (graziano girotti)