Stampa questa pagina
Mercoledì, 07 Luglio 2021 12:49

Costi delle carte di credito, Ancra: “Ingiusto limitare il rimborso totale solo ai rivenditori con fatturato inferiore a 400 mila euro”.

Il presidente Pier Giovanni Schiavotto si dichiara insoddisfatto del provvedimento appena entrato in vigore.

Pier Giovanni Schiavotto, presidente di Ancra Pier Giovanni Schiavotto, presidente di Ancra

Il decreto su fisco e lavoro approvato dal Consiglio dei ministri di fine giugno prevede il rimborso totale delle commissioni pagate alle banche dai commercianti che accettano pagamenti con bancomat e carte di credito. Nello specifico, viene esteso dal 30 al 100% il credito di imposta sulle spese del Pos per un anno, fino al 30 giugno 2022, a favore degli operatori con un fatturato inferiore ai 400 mila euro. "Prendiamo atto della decisione, ma non ci soddisfa - dichiara Pier Giovanni Schiavotto, presidente di Ancra, l’associazione che rappresenta i rivenditori specializzati in elettrodomestici ed elettronica di consumo - perché la riteniamo ingiusta. Non si capisce la ragione dei 400 mila euro di fatturato, che distingue i rivenditori in buoni e cattivi. Così non riusciamo a comprendere l'esenzione del balzello sugli acquisti fino a 50 euro, escludendo gli acquisti di valore superiore".