Domenica, 22 Maggio 2011 00:00

Il forno da incasso Luce illumina la cucina

Hotpoint-Ariston sta lanciando tantissime novità sia nella libera installazione che nel built-in

Tra le numerose novità di Hotpoint-Ariston che stanno per arrivare sul mercato europeo (a brand Hotpoint, in Italia rimane l'accostamento con Ariston) sia sul fronte del built-in che della libera installazione, il nuovo forno Luce da incasso rappresenta “l'alta definizione” della cottura. Il suo punto di forza è il sistema Dual Flow, brevetto di Indesit Company,  che garantisce un risultato perfetto per ogni tipo di piatto e offre tre livelli di cottura allo stesso tempo. Il sistema di ventilazione interna fa circolare il calore in ogni direzione, dall'alto in basso e da sinistra a destra, facendolo arrivare in ogni punto della cavità del forno. Il controllo elettronico della temperatura consente di mantenere intatta la qualità dei cibi.

Più visibilità interna

Sotto il profilo del design, il forno Luce combina in modo armonioso l'acciaio e il vetro, adattandosi perfettamente agli altri elettrodomestici della nuova collezione. Un design che si riflette anche su soluzioni che rendono più comodo l'utilizzo del prodotto. Grazie alla porta più alta di 28 millimetri, si incrementa la visibilità interna del forno da ogni angolazione. Sempre grazie al sistema di ventilazione Dual Flow viene ridotta la distanza tra la porta e il frontalino fino a 4 cm, anche nella versione pirolitica, per diminuire al massimo il fastidioso getto di aria calda e rende anche più facile pulire la superficie.

Record di risparmio energetico

Tutti gli elementi in acciaio del forno sono anti-macchia e anti-impronta, e così si può toccare liberamente senza lasciare segni. Il sistema a Led di illuminazione interna non lascia nessuna parte in ombra. In questo modo si può controllare lo stato di cottura senza aprire la porta. La maniglia rende l'apparecchio in linea con le ultime tendenze di design. Basta premerla per farla “emergere”, e premere ancora per nasconderla. Il consumo di 0,64 kwh corrisponde al 20% in meno rispetto a un analogo prodotto in classe A: il più basso sul mercato rispetto a forni della capacità fra 35 e 65 litri (il confronto è stato fatto con 29 competitori). Un record reso possibile da una serie di fattori: il controllo elettronico degli elementi che producono calore, la maggiore efficienza della ventilazione interna durante la cottura e la fase di raffreddamento, l'isolamento del forno grazie a un materiale che circonda l'intera cavità interna.