Mercoledì, 09 Ottobre 2013 00:00

Alternativa alle stampanti "usa e getta"

Si conferma la tendenza ad acquisti oculati: si compra con minor frequenza, ma si spende per la qualità

Belle da vedere, tecnologiche quanto serve: abbiamo visto stampanti dedicate al mercato domestico che ci convincono. Sono compatte, e l’innovativo orientamento della carta, caricata in posizione orizzontale e non verticale consente il minimo ingombro. Hanno display di controllo e una bella dotazione di funzioni. Ad esempio, si possono stampare fogli di formato A3, cosa che ci sembra particolarmente interessante anche per un privato. Le nuove stampanti implementano una tecnologia in grado di ricevere e stampare documenti da qualunque dispositivo mobile, si connettono direttamente ai servizi web da Touchscreen: Facebook, Dropbox, Flickr, Evernote, Picasa e Google Docs.

Desiderio di concretezza

La stampa fronte/retro è automatica per evitare ogni sorta di spreco; nel top di gamma anche la scansione fronte/retro è a passaggio singolo. Il mercato gradisce le offerte di qualità. Infatti nella classifica dei prodotti più venduti Brother, che firma le stampanti di cui parliamo, risulta ai primi posti con un prodotto ben più caro della media. In un segmento in cui passa il principio dell’usa e getta, a volte costa meno comprare una stampante nuova piuttosto che acquistare un set di cartucce. La proposta di Brother incontra il nuovo desiderio di concretezza del consumatore, disposto a una maggior spesa in cambio di una duratura qualità.