Mercoledì, 22 Dicembre 2010 00:00

Hair care: mantenere i capelli sempre in salute

Avanzate tecnologie e materiali innovativi rendono semplice lo styling. Il prodotto giusto per la testa giusta

Prima era una questione di praticità: difficile trovare il tempo per andare dal parrucchiere; quindi per farsi la piega in casa era importante possedere prodotti in grado di assicurare i migliori risultati. Poi è diventata un’esigenza legata anche alla spesa.  Rivolgersi al coiffeur di fiducia tutte le settimane si è tradotto in un costo eccessivo in tempi di riduzione del potere d’acquisto. Meglio allora arrangiarsi da sole a condizione, però, di poter ottenere un risultato comunque all’altezza delle aspettative. Se la mano e la tecnica della parrucchiera sono difficilmente replicabili dalle non esperte, gli apparecchi utilizzati in casa possono venire in aiuto, quanto meno per evitare l’effetto crespo che inevitabilmente si produceva con i phon di una volta. Ma prima di pensare alla funzionalità è importante considerare gli aspetti di sicurezza, che nel caso degli asciugacapelli sono fondamentali. Parliamo infatti di un elettrodomestico che viene usato tenendolo in mano, quindi a contatto diretto con l’utilizzatore, generalmente in un contesto in cui sono presenti umidità e residui di acqua. Non è mai fuori luogo ricordare di non asciugarsi i capelli a piedi nudi, con il pavimento o le mani bagnate, in vicinanza della vasca da bagno non ancora svuotata.

SCEGLIERE LA QUALITÀ

Se le modalità di utilizzo sono indispensabili per la sicurezza, anche la scelta del prodotto giusto è fondamentale. Ormai è fortunatamente difficile trovare sugli scaffali prodotti low cost di dubbia provenienza, ma è bene ricordare che acquistare un elettrodomestico di una marca nota mette al sicuro da possibili inconvenienti. I prodotti di importazione che in passato abbiamo visto in vendita a prezzi irrisori, infatti, presentavano non pochi problemi sul fronte della funzionalità e, cosa ben più grave, per quanto riguarda le garanzie di sicurezza. Dopo questa doverosa premessa, possiamo passare alla scelta del modello giusto per le esigenze del consumatore. Sul mercato esistono diverse tipologie di apparecchi che vanno dai piccoli ed economici phon da viaggio fino ai modelli professionali. I primi hanno la caratteristica di essere leggeri e compatti, dotati delle funzioni base, con una scelta minima per quanto riguarda la velocità o la temperatura. La potenza è generalmente intorno ai 1200 Watt e sono corredati al massimo da un concentratore. I modelli professionali, al contrario, si rivelano molto robusti, adatti a un utilizzo frequente, con una potenza di almeno 2000 Watt. Hanno una serie di opzioni diverse per quanto riguarda la combinazione di velocità e temperatura, compreso il tasto per il “colpo” di aria fredda, che fissa la piega. Anche per quanto riguarda gli accessori, la scelta è ampia, con diffusori e concentratori d’aria di dimensioni e caratteristiche diverse. Questi modelli sono commercializzati dai rivenditori professionali e non sempre sono disponibili nei normali punti vendita di elettrodomestici. Senza arrivare a modelli così avanzati, nella fascia media è possibile trovare ottimi prodotti.

LA RIVOLUZIONE DEGLI IONI

A fare la differenza è la tecnologia degli ioni, ormai presente nella quasi totalità degli apparecchi proposti dalle aziende. Gli ioni coadiuvano l’effetto del calore rompendo le molecole d’acqua che così si dissolvono più facilmente. Il risultato è un’asciugatura più veloce e meno “stressante” per il capello, che rimane setoso, idratato, lucido e di conseguenza anche più facile da lisciare. Anche se per l’effetto liscio è bene ricorrere ad apparecchi specifici, come le piastre. Pure in questo caso la scelta è ampia e prevede la possibilità di acquistare modelli molto piccoli, utili non solo in viaggio ma anche da tenere in borsa per ritocchi dell’ultimo momento. Come i phon, le piastre possono utilizzare la tecnologia a ioni per un risultato migliore. Un altro elemento fondamentale, nel caso di queste ultime, è il materiale utilizzato per la superficie lisciante. Assolutamente da evitare le ormai desuete piastre in alluminio, che rovinano i capelli, mentre vanno invece bene le piastre in ceramica, in tormalina o quelle in materiale vetrificato. L’importante è che la superficie sia integra e priva di irregolarità che danneggerebbero la chioma: soprattutto le piastre rivestite in ceramica tendono a perdere frammenti, rendendo ruvida la superficie. La piastra ha un’azione piuttosto stressante sul capello, per cui è fondamentale privilegiare modelli che grazie agli accorgimenti tecnici siano poco aggressivi. Al tempo stesso, anche l’uso che ne viene fatto deve essere particolarmente attento, con qualche accorgimento in più rispetto ad un comune asciugacapelli.

OGNI RICCIO UN CAPRICCIO

Anche se la tendenza del momento privilegia un look liscio, c’è chi ama comunque una testa con uno stile diverso. Per questo esistono in commercio ferri arricciacapelli o piastre per un effetto frisé. Queste ultime, in particolare, vengono a volte fornite come accessorio da sostituire nelle comuni piastre.  Interessanti anche le spazzole liscianti, che in realtà consentono di ottenere diversi tipi di brushing. In pratica, si tratta di un tipo di phon a cui è applicata una spazzola attraverso la quale viene veicolata aria calda. L’apparecchio quindi facilita lo styling con un risultato molto naturale sia se si cerca l’effetto liscio sia sul capello mosso.