Giovedì, 19 Dicembre 2019 08:54

Russell Hobbs, il sottovuoto alla portata di tutti

Con Sous Vide Slow Cooker una delle tecniche più apprezzate dai grandi chef entra tra le mura domestiche. Portando con sé altri due metodi di cottura: lo slow cooking e la preparazione con la sonda della temperatura.

La cottura sottovuoto è molto apprezzata dagli chef di tutto il mondo perché mantiene le proprietà nutritive dei cibi durante la cottura. Merito della bassa temperatura utilizzata, che ne preserva la struttura organica.

Un metodo di cottura, quello del sottovuoto, che ha rivoluzionato le cucine dei grandi ristoranti di tutto il mondo, e che da qualche tempo non è più solo appannaggio dei cuochi professionisti. Alcuni elettrodomestici lo hanno infatti portato anche tra le quattro mura domestiche per regalarne i vantaggi a chi cucina per sé e i propri cari.

Tra i benefici principali del sottovuoto c'è appunto il mantenimento delle proprietà degli alimenti, come vitamine e sali minerali, ma anche la loro conservazione prolungata e il rallentamento dell’ossidazione grazie all’assenza di aria. Il sottovuoto consente inoltre di cucinare senza l'aggiunta di grassi, per piatti sempre salutari, e di preservare integro l'aspetto esteriore e il colore dei cibi, per una tavola gradevole al palato come alla vista. 

Origini lontane
La cottura sottovuoto ha origini lontane: si dice che nel 1974 lo chef George Pralus abbia per primo applicato questa tecnica nel suo ristorante a Roanne, in Francia, per prolungare il tempo di conservazione del suo foie gras. Con questo metodo a bassa temperatura è possibile cucinare posizionando gli alimenti all’interno di appositi sacchetti di plastica svuotati dall’aria interna e immersi nell'acqua a bagnomaria a temperature tra i 50 e i 100 gradi. A cottura ultimata i cibi possono essere tolti dalla busta e consumati oppure conservati in frigorifero o in freezer.

Sous Vide Slow Cooker di Russell Hobbs, marchio britannico specializzato nella vendita di piccoli elettrodomestici, è il prodotto che permette di cucinare sottovuoto, come lascia intuire il nome, e di impiegare altri due metodi di cottura: quella lenta tipica dello Slow Cook e quella con la sonda per la temperatura.

La cottura lenta
Lo slow cooking è uno stile di cottura ormai noto in tutto il mondo perché consente di cucinare piatti sani e gustosi, ma anche per le sue caratteristiche green. Con il processo a cottura lenta i cibi trattengono infatti i propri nutrienti e aromi, permettendo così di ridurre l’uso di condimenti. Quantità minori di olio, burro e grassi regalano una cucina più salutare, economica, saporita, ed efficiente al tempo stesso, grazie al basso consumo di energia. Per gustare ad esempio un pollo al curry, stufati di manzo e ragù di carne, basterà aggiungere gli ingredienti e impostare il grado di cottura. Al resto penserà Sous Vide Slow Cooker.

La sonda della temperatura
La presenza della sonda per la temperatura assicura invece una cottura al punto giusto, senza il rischio di cibo crudo o stracotto. Impostata la quantità di calore desiderata, sarà sufficiente inserire lo strumento nell’alimento scelto affinché il display digitale mostri la temperatura reale del momento. Appena raggiunto il livello richiesto la pentola proseguirà la cottura in base alle impostazioni e il display segnalerà il tempo trascorso dall'inizio della preparazione.