Il Blog di Nathan (vita da negozio)

Dietro lo pseudonimo di Nathan si nasconde una persona che vanta una lunga esperienza nella vita da negozio, appunto. Pertanto ne conosce pregi, difetti, problemi, opportunità: un microcosmo, che in certi casi non è neppure tanto "micro", fonte di riflessioni e anche di provocazioni. Questo vuole essere uno spazio "aperto" ai contributi di addetti vendita, capi reparto, store manager, manager a vario titolo, per migliorare la "vita da negozio". Perché solo in questo modo si migliora il rapporto e il servizio ai consumatori finali.

La festa più importante dell'anno si avvicina e la temperatura all'interno del negozio si alza paurosamente.

Arrivato l'autunno, quello vero, e nel punto vendita scatta la necessità di quegli spostamenti di prodotti che in fondo si ripetono da anni. Ma nulla è scontato e non sempre fila tutto liscio.

Cari manager, guardate oltre il vostro e nostro orticello.

Mentre negli ultimi anni si è dato priorità ad altro.

Domenica, 23 Settembre 2018 16:41

Corri, addetto, corri. Ma verso dove?

Sì, è vero, sul futuro del ruolo del commesso si addensano punti interrogativi, anche se nessuno ha la palla di cristallo. Ma chi ha passione continui a crederci e magari trovi il coraggio di dire qualche "no" quando serve.

I negozi, per combattere l'online, si stanno lentamente trasformando in un "online 2.0", dove basta un "QR code" per ottenere tutte le risposte. E il fattore umano?

Sabato, 21 Luglio 2018 10:36

Il colloquio di lavoro

Attese, viaggi, e poi ancora attese dopo il famigerato: "Le faremo sapere". 

Si tiene aperto anche quando si cambia faccia al punto vendita. Ma il prezzo che si paga è carissimo.

Tra problemi contrattuali, situazioni aziendali non floride e mole di lavoro non commisurata allo stipendio.

Per il nostro settore l’esecutivo appena nato dovrebbe porre la sua attenzione su (almeno) tre ambiti ben precisi.

Se domani, per esempio, di punto in bianco decidessimo che il Direttore del Marketing debba occuparsi delle Risorse Umane, quali sarebbero i risultati?

Costui ha una corazza dura, difficile da scalfire; si protegge dietro un’intricata matassa di idee e concetti propri che lo rendono inamovibile, orgogliosamente fermo sulle sue posizioni.

Due risorse che nei punti vendita troppo spesso si scontrano con logiche che tradiscono incapacità di programmazione.

Partiamo dai commenti giunti al nostro ultimo post per lanciare una proposta per migliorare la comunicazione tra negozio e centrale.

 

Seconda e ultima puntata del nostro colloquio con Luigi, commesso di lunga esperienza, sul tema dei rapporti tra punto vendita e sede centrale.

La testimonianza di Luigi: “Il capo area lancia direttive che non si possono contestare. E così il direttore del negozio si trasforma in qualcosa a metà strada tra Fantozzi e un interior design”.

Pagina 1 di 2