Mercoledì, 12 Agosto 2020 12:15

Facebook, consigli per l'utilizzo e trucchi 

Il noto social network tende a “nascondere” gli stratagemmi che potrebbero migliorare la nostra presenza. Parliamone.

I social network sono ormai alla portata di chiunque e il loro utilizzo è sdoganato da anni, soprattutto tra i gli adulti. La fascia di età più giovane si è progressivamente spostata su nuove piattaforme online come Instagram e il recente TikTok, lasciando a genitori e nonni la permanenza all'interno del più famoso Facebook. Ad oggi il più popoloso social network del mondo conta circa 2,3 miliardi di persone con un tasso di crescita che oltretutto non tende a rallentare.

Insomma, ormai ci siamo proprio tutti dentro. Il sito, creato da Mark Zuckenberg all'Università di Harvard, nacque inizialmente per aiutare la socializzazione tra studenti della stessa facoltà, per poi estendersi in tutte le città degli Stati Uniti e successivamente a chiunque avesse compiuto almeno 13 anni di età. Facebook è un grande contenitore di persone, media e servizi come videogiochi, pubblicità, attività commerciali e molto altro. E' quindi importante capirne il funzionamento e provare ad andare oltre quelle che rappresentano le funzioni basilari. Ci sono trucchi che Facebook “nasconde” e che ci potrebbero migliorare alcuni aspetti della navigazione e dell'esperienza generale sul sito.


Trucchi per aumentare le visualizzazioni, trucchi per fare post di successo, altri trucchi per mettere i propri post in evidenza senza pagare le tariffe del sito. Oppure per far aumentare gli utenti di una propria pagina che gestiamo.

Partiamo da questo, cercando di capire che Facebook aggiorna i propri parametri di visualizzazione ogni pochi mesi, quindi dobbiamo trovare una tecnica vincente per fare post adatti agli algoritmi del 2020. Innanzitutto Facebook “ama” che i contenuti condivisi provengano dal suo database e non da siti esterni come potrebbero essere YouTube o Google. Un post con un link, una notizia, un video preso da un sito “esterno” allo stesso Facebook avrà un “rate score”, ovvero un punteggio, molto più basso rispetto ad uno condiviso direttamente dalle sue pagine. Questo perché chi ha progettato Facebook ha fatto in modo di preferire la navigazione al suo interno piuttosto che farvi cliccare su un link che vi faccia uscire dal suo recinto chiuso.

Facebook “ama” i tag alle cose e alle persone, quindi ogni volta che scrivete un post cercate di inserire alla fine non più di due, tre tag, vale a dire quelle parole che iniziano con il cancelletto (#) che servono a trovare gli argomenti molto più velocemente, sia sulla nostra pagina che nell'ecosistema generale del sito. Se potete, taggate anche gli amici che compaiono nelle foto o nei video, così da estendere le visualizzazioni ai loro conoscenti.

Un altro trucco è quello di non scrivere mai più di due, tre righe di testo. Il 90% degli utenti, quando vede un testo troppo lungo semplicemente non legge e va avanti. Quindi l'obiettivo è provare a dire tutto quello che dobbiamo concentrandolo in pochissime parole. L'approfondimento del concetto espresso è meglio farlo successivamente, direttamente nei commenti.

Esiste in Facebook la possibilità di scoprire e scaricare tutti i nostri dati personali: immagini, video, conversazioni e post dalla data di iscrizione al giorno d'oggi, semplicemente andando sul menù impostazioni, “le tue informazioni” e poi premere su “scarica le tue informazioni”. Così facendo si avvierà un download di tutto quello che avete fatto sul social network sin dagli albori della vostra prima iscrizione.

Se utilizzate Facebook da un dispositivo mobile come cellulari o tablet, potrebbe esservi d'aiuto sapere che esiste una opzione per disattivare la riproduzione automatica dei video e così farvi risparmiare un sacco di dati internet. Dalle impostazioni cercate “video”, e poi cliccare su “riproduzione automatica”: vedrete un'anteprima del video senza però farlo partire, almeno finché non ci premete sopra volontariamente.

Molti utenti non sanno che messenger, l'applicazione legata a Facebook che gestisce i messaggi privati, contiene anche una parte “nascosta” con le comunicazioni che arrivano da chi non è tra le nostre amicizie, e che quindi potrebbe esservi invisibile. Per scoprirle, andate sul sito di Facebook e cliccate su “messaggi”, quindi “richieste di messaggio” ed infine “altro”: verranno caricati tutti i messaggi arrivati da altre persone che volevano mettersi in contatto con voi ma non ci sono riuscite con la convenzionale richiesta d'amicizia.

Facebook è un “organismo intelligente” che organizza la nostra bacheca in modo da farci comparire per prime le notizie ed i post che lui ritiene più interessanti per noi, seguendo una sua logica dettata da avanzati algoritmi matematici. Non vedremo, quindi, le informazioni o gli aggiornamenti in ordine cronologico ma in base alle equazioni del sito. Esiste però un modo per dare la precedenza a quello che veramente ci interessa, per esempio i nostri migliori amici. Sulla pagina principale della persona alla quale vogliamo dare la precedenza c'è un tasto che si chiama “segui già”, proprio accanto all'icona dell'amicizia. Ebbene, cliccandoci sopra comparirà un'altra opzione chiamata “mostra per primi” che, se spuntata, gli darà la priorità assoluta tra i post della nostra homepage Facebook.


In molti considerano questo social network come invasivo nei confronti della propria privacy, ma non tutti sanno che è possibile gestire i propri contenuti dal punto di vista della visibilità su internet. Quando state creando un post, pubblicando una foto oppure condividendo una notizia, c'è un tasto proprio accanto a “sezione notizie” dove troviamo scritto solitamente “amici”. Premendolo è possibile impostare la visibilità di quello che stiamo per pubblicare, rendendolo invisibile a una persona o una intera categoria persone, facendolo apparire solo a noi stessi, oppure solo a determinate persone che andiamo a selezionare. Pensiamo, ad esempio, alle foto di una cena aziendale o a quelle della nostra cena di natale in famiglia. Foto che non abbiamo intenzione di far vedere a tutta la lista amici completa ma solo ai diretti coinvolti. Basterà quindi selezionarli uno ad uno così da escludere automaticamente tutti gli altri.

Infine vogliamo parlarvi di una funzione abbastanza nascosta e decisamente macabra, ovvero quella che si occupa della gestione di un profilo Facebook in caso di “dipartita anticipata” dell'utente, ovvero in caso di morte. Il social network ci da la possibilità di nominare un “gestore” della nostra pagina e della nostra memoria che si occuperà di aggiornare la nostra homepage e rispondere ai messaggi privati al posto nostro, dandogli l'accesso quasi completo al nostro profilo (solo i vecchi messaggi privati verranno oscurati). Andando nelle impostazioni e “proprietà e controllo dell'account”, poi cliccando su “impostazioni per rendere commemorativo un account”, si potrà selezionare un amico fidato al quale cedere in eredità la nostra memoria del social network. Perché Facebook è per sempre!