Martedì, 08 Giugno 2021 12:07

Legno-arredo: nel 2020 fatturato a -9,1% sul mercato italiano

Mente le esportazioni, secondo il Centro Studi di FederlegnoArredo, arretrano dell’11,7%.

La filiera italiana del legno-arredo, composta da circa 71.500 imprese con oltre 307.000 addetti, secondo i consuntivi elaborati dal Centro Studi di FederlegnoArredo, chiude il 2020 con una contrazione del 9,1% rispetto al 2019. Sono sia il mercato interno (-7,5%) ma soprattutto quelli esteri (-11,7%), a determinare la flessione del fatturato.

Le difficoltà logistiche con il blocco dei trasporti e degli spostamenti e la mancanza delle fiere, fondamentali strumenti di internazionalizzazione, hanno fortemente rallentato lo sviluppo del fatturato estero e la realizzazione delle commesse in corso, spesso slittate di mesi. Dopo i dati pesantemente negativi del primo semestre dell’anno, a partire dall’estate le imprese hanno registrato un recupero importante, ma non sufficiente a colmare il danno determinato dai mesi di chiusura, fondamentale per ridurre comunque l’entità della perdita riscontrata nella prima parte del 2020.

L’andamento complessivo del macro sistema arredamento e illuminazione che comprende l’arredamento, l’illuminazione, l’arredo-bagno, l’ufficio e i mobili professionali e commerciali, sintetizza nella sua variazione (-8,9%) andamenti profondamente differenti tra il comparto Casa e quello Contract. Grazie al parziale recupero a partire da giugno, i comparti più connessi all’ambiente domestico hanno chiuso l’anno con una flessione più contenuta (arredamento: - 7,8%; arredo-bagno: -9%), rallentano i comparti come l’ufficio e i mobili professionali e commerciali, più legati ai settori non residenziali - uffici, hospitality, spazi per collettività e contract in generale - e quelli fortemente esposti sui mercati esteri, come nel caso dell’illuminazione.

Il sistema arredamento e illuminazione chiude l’anno 2020 con un export complessivo di 11,1 miliardi di euro, con un calo rispetto al 2019 del 10,1%. La flessione è conseguenza diretta dei lockdown messi in atto, anche con tempistiche diverse, da molti Paesi a livello globale e un brusco rallentamento degli scambi internazionali. La Francia, nonostante il calo (-7,1%) rimane il primo sbocco commerciale, seguita dalla Germania (-1,8%) e Stati Uniti (-3,6%), primo mercato extra-europeo.

Anche il sistema arredamento subisce, nell’anno segnato dalla pandemia Covid-19, una battuta d’arresto. Complessivamente la contrazione del fatturato nel 2020, contenuta grazie a un significativo recupero nella seconda metà dell’anno, è pari al 7,8%, più marcata (-8,3%) sui mercati esteri, che rappresentano circa la metà del fatturato totale, rispetto a quello domestico (-7,3%). La mancata ripartenza per i comparti legati all’hospitality e alla collettività in genere determina una flessione più marcata che influisce sulla performance finale dell’intero sistema arredamento. Le esportazioni del sistema arredamento realizzano un valore complessivo di 6,4 miliardi di euro, con una flessione rispetto al 2019 dell’8,3%. Nonostante un calo del 3,1% la Francia, con 1,1 miliardi di euro, rimane il primo sbocco dell’export per le aziende italiane. In un anno come il 2020 le contenute crescite delle esportazioni verso Stati Uniti (+0,6%) e Germania (+1,5%), testimoniano la solidità e la forte presenza dell’arredo Made in Italy in questi due importanti mercati.

Secondo un’indagine elaborata dal Centro Studi di FederlegnoArredo, le principali difficoltà riscontrate dalle imprese della filiera legno-arredo in questo periodo sono state l'aumento dei prezzi delle materie prime e la mancanza di eventi di contatto con il mercato. Sul fronte delle strategie, emerge come strumento per il superamento della crisi l’attenzione delle aziende all'innovazione e alla sostenibilità quale tratto comune.

Durante tutto il 2020 lo sforzo di FederlegnoArredo si è concentrato nel fornire alle aziende un supporto sia sul fronte degli strumenti di sostegno al credito - anche attraverso un apposito sportello finanziamenti  - affinché non fosse interrotto un processo virtuoso che vede da anni la filiera protagonista di una dinamica positiva sul fronte degli investimenti 4.0 e green - sia sul fronte dei mercati esteri, fornendo assistenza nell’affrontare le complesse problematiche legate alle esportazioni nelle diverse aree del mondo, che incidono per il 52% sul fatturato totale del macro sistema arredamento e illuminazione.