Mercoledì, 29 Aprile 2020 09:48

Gli agenti di commercio ripartono dal 4 maggio

Ne dà notizia la Fnaarc (Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio) sul suo sito. E' uno degli effetti del decreto del 26 aprile scorso.

Da lunedì 4 maggio gli agenti di commercio possono tornare a lavorare. A dare l'informazione attraverso il proprio sito, rivolgendosi ai soci, è la Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio. "Il nuovo DPCM del 26 aprile (di cui attendiamo pubblicazione in Gazzetta Ufficiale) - scrive l'organismo - ricomprende la categoria degli agenti di commercio tra quelle a cui è consentito svolgere l'attività a partire dal 4 maggio. Gli agenti di commercio infatti, con il codice 46 contenente la sottocategoria 46.1 che identifica appunto gli intermediari del commercio, rientrano nell'elenco dei codici Ateco per i quali è consentito lo svolgimento dell'attività come risulta nell'allegato 3 dello stesso decreto. Si fa presente che l'elenco dei codici Ateco riferiti alle attività consentite (art. 2 comma 1 del decreto) può tuttavia essere modificato con decreto del Ministero dello Sviluppo Economico, sentito il Ministero dell'Economia e Finanze".

"A partire dal 4 maggio peraltro - continua la Fnaarc - sarà consentito spostarsi anche in una regione diversa da quella in cui si risiede ma si conferma la necessità di motivare lo spostamento con comprovate esigenze lavorative che, in caso di controllo da parte di pubblici ufficiali, potrà avvenire attraverso la compilazione di apposita autodichiarazione". 

In caso di controllo la Fnaarc suggerisce di avere sempre a disposizione:

- copia del modulo di autodichiarazione (si attende il nuovo fac-simile)
- una visura camerale, quale documento che certifica l'attività di agente e da cui si desume il proprio codice ateco (Codice 46, sottocategoria 46.1)
- copia del contratto di agenzia o, in alternativa, se possibile, una dichiarazione della casa mandante da cui si evinca il rapporto di agenzia e la zona di competenza
- come ulteriore accorgimento, una agenda, anche elettronica, che comprovi gli appuntamenti.