Giovedì, 21 Marzo 2019 08:33

Giornata Mondiale dell'Acqua: come evitare gli sprechi

Il 22 marzo cade la ricorrenza istituita dalle Nazioni Unite nel 1992. La multinazionale Insinkerator, specializzata in erogatori e dissipatori di rifiuti, raccoglie alcuni importanti consigli per un consumo più consapevole.

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua, ricorrenza istituita dalle Nazioni Unite nel 1992 per il 22 marzo, la multinazionale americana Insinkerator, specializzata in erogatori e dissipatori di rifiuti, sensibilizza i consuamtori verso una condotta sostenibile in casa presentando un vademecum contro gli sprechi. Forse non tutti sanno che coltivare e produrre cibo richiede grandi quantità di acqua, quindi sprecarla produce una reazione a catena della quale non si è sempre consapevoli. Servono 100 secchi d’acqua per produrre una singola pagnotta di pane, 54 per fare in modo che un petto di pollo arrivi sulle tavole e 6 secchi d’acqua per far crescere una patata. In questo contesto l’utilizzo casalingo, cucina e bagno in testa, è tra le principali cause dello spreco d’acqua ed è per questo che Insinkerator sta portando avanti un lavoro di ricerca per proporre prodotti sempre più ecosostenibili e soluzioni alla portata di tutti. Tra i principali consigli vi è senza dubbio quello di evitare di lasciare aperto il rubinetto in attesa che l’acqua raggiunga la temperatura desiderata. In questo caso, un erogatore tecnologicamente avanzato come il 4N1 Touch di Insinkerator (foto in basso) è la soluzione in quanto offre istantaneamente acqua tra gli 88° e i 98°gradi. Tra le altre indicazioni, non far scorrere inutilmente l’acqua per lavare i piatti o farsi la doccia e scegliere rubinetti e soffioni dotati di un aeratore “green” o riduttore di portata, che si traduce in una riduzione di circa il 50% dei consumi.

New4N1Touch_Velvet.jpg

 

Il vademecum:

Installare rubinetti e termostati che erogano all’istante l’acqua già alla temperatura desiderata
Usare l’acqua della pasta per lavare i piatti o sgrassarli
Lavarsi i denti, il viso, o i capelli mantenendo il rubinetto chiuso usando l’acqua solo per risciacquarsi.
Utilizzare una bacinella per raccogliere l’acqua quando si lavano frutta e verdura
Dotarsi di erogatori intelligenti con sistemi antispreco per ridurre i consumi
Utilizzare la lavatrice o la lavastoviglie sempre a pieno carico.
Limitare l’uso dello sciacquone a quando è necessario. Spesso lo si utilizza per eliminare un pezzo di carta o un capello consumando litri d’acqua inutilmente.
Ottimizzare l’utilizzo dell’acqua per innaffiare le piante o irrigare i giardini