Sono cento i progetti di Comuni e società di gestione dei rifiuti che si aggiudicano le risorse messe a disposizione dal Centro di Coordinamento RAEE per migliorare la raccolta.

Sono state pubblicate sul sito del Centro di Coordinamento RAEE le graduatorie dei progetti vincitori del bando 2023 ai fini dell'erogazione di contributi economici per lo sviluppo e l’adeguamento dei centri di raccolta degli elettrodomestici a fine vita, e la realizzazione di progetti di microraccolta. I contributi, che hanno sfiorato i 4,3 milioni di euro, sono stati messi a disposizione dai produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche mediante i Sistemi Collettivi. Complessivamente sono stati premiati 100 progetti presentati da Comuni e società di gestione rifiuti. Da sottolineare che i 100 progetti premiati su un totale di 195 candidature inviate rappresentano un numero superiore rispetto alle adesioni ricevute nel 2022.

“Nel rispetto del principio di responsabilità estesa del produttore, anche quest’anno le aziende di apparecchiature elettriche ed elettroniche sono accanto a Comuni e aziende della raccolta rifiuti mettendo loro a disposizione risorse economiche per migliorare in maniera continuativa e sistematica il sistema di gestione RAEE” dichiara Carlo Samori, rappresentante dei produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche presso Confindustria. “Quest’anno in particolare, gli investimenti sono stati incrementati in maniera significativa, a dimostrazione della volontà di favorire il miglioramento e l’implementazione costante dell’infrastrutturazione della raccolta, leva imprescindibile e strategica per raggiungere gli importanti target di raccolta previsti dall’Unione Europea”.

“L’efficienza dell’approccio che il sistema multiconsortile adottato nel nostro Paese attua per assicurare costantemente l’infrastrutturazione della raccolta e il sostegno economico ai Comuni - afferma Alberto Canni Ferrari, presidente del Centro di Coordinamento RAEE.- è testimoniato dalla tempestività con cui la commissione esaminatrice ha concluso le proprie attività. Cento Comuni si potranno avvalere in tempi rapidi dei fondi messi a disposizione dai produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche con la convinzione che la raccolta in quei luoghi potrà avere un deciso impulso verso gli obiettivi europei”.

A questo link è possibile scaricare le graduatorie  https://bit.ly/BandoCdR23