Domenica, 05 Settembre 2021 18:30

Scomparso Renato Sartorello, fondatore di SME

Il ricordo del governatore del Veneto, Luca Zaia.

Non abbiamo mai incontrato Renato Sartorello, ma se i genitori si potessero giudicare attraverso i figli - in questo caso Raul - che invece conosciamo da anni e al quale vanno le nostre condoglianze, allora ne desumiamo si trattasse di un imprenditore dallo sguardo lungo, sempre attento alle esigenze del consumatore finale, di quegli imprenditori per i quali non è retorico parlare di "spirito rivoluzionario". D'altronde basta passare uno sguardo su quanto ha realizzato e in quali tempi per comprenderne la portata rivoluzionaria. (g.g.)

“Ho avuto la fortuna di conoscere il Signor Renato e di incontrarlo in molte occasioni. Di lui ho sempre avuto l’immagine di un galantuomo, di una persona per bene, di un Veneto d’altri tempi quando la stretta di mano era un contratto, di un Signore dell’imprenditoria. La sua scomparsa è la brutta notizia che ha aperto la mia giornata. Mi stringo nel dolore a tutti u suoi famigliari che gli sono stati vicini”. Così il presidente della Regione Veneto esprime il suo cordoglio per la morte di Renato Sartorello, patron della SME. “Una persona – ricorda il governatore – che ha costruito da zero un impero innovativo, perché è con lui che sono nati i grandi store in Veneto e oggi penso che non ci sia un cittadino che non abbia conosciuto i suoi grandi magazzini. Una visione tutta americana del commercio, quando erano ancora di là da venire gli acquisti on line e la convenienza per il consumatore determinata da una intelligente e tenacissima capacità di relazione coi produttori. Se n’è andato un uomo che è stato punto di riferimento per tutta la società veneta – aggiunge il presidente – uno che si è fatto da sé, iniziando 60 anni fa come ‘casoin’ a Gainiga, e costruendo un vero e proprio impero. La sua morte mi addolora anche perché avrebbe potuto dare ancora tanto alla società veneta, sia dal punto di vista imprenditoriale che umano. Lo ricordo anche come persona sempre disponibile a darsi da fare nel sociale, nei momenti di difficoltà di qualche famiglia, facendo assunzioni e dando totale disponibilità e umanità. Il mio – conclude – è un vero e proprio abbraccio al Signor Renato”. (foto tratta da memoryplace.it)