Martedì, 15 Novembre 2022 14:45

Call center: se chiami, io mi oppongo!

Per difenderci dalle molte telefonate promozionali (di telemarketing) possiamo iscriverci al Registro pubblico delle opposizioni (RPO): quanti lo sanno e soprattutto funziona?

Per difenderci dalle molte telefonate promozionali (di telemarketing) possiamo iscriverci al Registro pubblico delle opposizioni (RPO): quanti lo sanno e soprattutto funziona? Vediamo di cosa si tratta. Il telefono di casa o il cellulare squilla nei momenti meno opportuni. L’operatore, che ci chiama per nome e cognome dunque ci predisponiamo ad ascoltarlo, dopo una premessa poco comprensibile, ci propone uno straordinario risparmio da prendere al volo, o ci vuole salvare da una imminente interruzione di servizio (in genere di erogazione elettrica), ovviamente a condizione che aderiamo al nuovo contratto, vero motivo della telefonata. E se gentilmente decliniamo l’invito, o chiediamo più approfondite spiegazioni, beh, bene che vada ci chiude la telefonata ‘in faccia’.

Il Registro pubblico delle opposizioni
Forse ancora pochi consumatori sanno che da qualche mese c’è la possibilità di difendersi dall’assalto telefonico dei call center, iscrivendo le proprie utenze telefoniche al Registro pubblico delle opposizioni (RPO), esteso finalmente anche ai i numeri di cellulare, oltre che ai telefoni fissi e agli indirizzi postali. Il Registro è nato con l’obiettivo di difendere la privacy dei cittadini che si ‘oppongono’, appunto, all’uso dei propri dati personali (e il numero telefonico è fra questi) per vendite o promozioni commerciali. La norma (D.P.R 26/2022), infatti, prevede che l’iscrizione annulli eventuali consensi a essere contattati per scopi pubblicitari che abbiamo rilasciato precedentemente, magari senza essere consapevoli, anche perché in pochi leggiamo con attenzione le clausole sulla privacy. Da questo divieto sono escluse le autorizzazioni ai gestori delle utenze attive (ad esempio il nostro operatore telefonico ed energetico) e quelle che eventualmente autorizzeremo dopo l’iscrizione al Registro. Gli operatori di telemarketing sono obbligati a consultare mensilmente il Registro pubblico delle opposizioni, e comunque prima dell’avvio di ogni campagna pubblicitaria.

Come fare l’iscrizione
il servizio è gratuito, vale a tempo indeterminato e può essere aggiornato se intendiamo annullare eventuali consensi al telemarketing rilasciati dopo l’iscrizione al Registro. Possiamo iscriverci in vari modi: attraverso il sito www.registrodelleopposizioni.it compilando un apposito modulo online; telefonando al numero verde 800 957 766 per le segnalare i numeri di telefono fissi e allo 06 42986411 per i cellulari; inviando un apposito modulo digitale tramite mail all’indirizzo iscrizione@registrodelleopposizioni.it.

Funziona?
Il Registro pubblico delle opposizioni, che all’ultimo aggiornamento del 10 novembre contava 3,5 milioni di iscrizioni, fatica a decollare se, come denunciano varie associazioni di consumatori, si moltiplicano le segnalazioni di utenti che, nonostante l’iscrizione, continuano a ricevere chiamate indesiderate dai call center. Oltre a un basso tasso di iscrizioni, rispetto a molti milioni di smarthpone che risultano attivi in Italia, sono diverse le ragioni di questa inefficienza iniziale: gli operatori di telemarketing (rispettosi della normativa) avevano tempo fino allo scorso settembre per aggiornare i loro elenchi; ma nel mercato poi esistono anche società ‘più disinvolte’ che probabilmente non si preoccupano di dare queste garanzie ai loro committenti. Una soluzione, sempre secondo alcune associazioni, potrebbe essere sanzionare le società che decidessero di utilizzare call center non rispettosi della normativa e di conseguenza del diritto alla nostra privacy; oppure introdurre indennizzi automatici per i consumatori che ricevono telefonate moleste nonostante regolare iscrizione al Registro. Per approfondimenti e per informazioni su come effettuare segnalazioni di violazione alla normativa vi consigliamo di consultare la pagina: conosci i tuoi diritti, segnalando: giorno e ora della chiamata, numero del chiamante (se non anonimo), società che ha effettuato la chiamata, prodotto offerto con la telefonata. Intanto, se qualche scocciatore insiste con le chiamate, possiamo rispondere: mi oppongo! (l.c.)