Martedì, 10 Settembre 2019 15:22

IFA '19: finché c’è nuovo mercato (da rovinare), c’è speranza

I monopattini elettrici crescono di qualità e probabilmente è questa la vera novità della rassegna tedesca.

Celebrato il funerale degli hoverboard, IFA 2019 ha individuato il nuovo agnello sacrificale per il nostro retail: i monopattini elettrici, forse la vera novità dell’edizione che si va chiudendo. Che, poi, a ben guardare vera novità non sono. Certo, su di loro pendono ancora molti interrogativi dal punto di vista legislativo, e vedremo come si muoverà (se si muoverà) il nuovo governo. Nel frattempo l’offerta si alza di qualità e, usando le parole di un operatore della distribuzione, a Berlino si è vista “molta roba seria”. Per “serio” il nostro interlocutore intende apparecchi che offrono garanzie dal punto di vista della sicurezza, capaci di trasportare fino a 150 kg, e che alle spalle hanno aziende in grado di assicurare il post-vendita.

“Questo è il momento di cominciare a investire - continua la nostra fonte - perché il fenomeno durerà almeno fino all’estate prossima”. Nelle città più grandi sfrecciano e spuntano agli angoli delle strade con frequenza sempre maggiore, e i pedoni si devono attrezzare a essere lesti nell’evitarli. Che il segmento attragga l’attenzione del retail, al di là di chi già lo sta sfruttando, è un dato di fatto. Ora, però, i prezzi si stanno alzando e “quella roba seria” di cui si parlava prima parte da circa 400 euro per arrivare addirittura a 2000 (“in pratica delle motorette”). Un bocconcino niente affatto trascurabile. A questo punto il rischio, molto concreto viste le esperienze passate che hanno colpito altri bocconcini, è che sui monopattini elettrici si scateni la guerra tra chi fa più in fretta a svalutarli sia sul piano del prezzo, sia - di conseguenza - sul piano della percezione della qualità da parte dei consumatori. Una gara nella quale non abbiamo rivali. E questa non è una notizia.