Giovedì, 23 Dicembre 2021 10:41

Logistica, la gestione delle urgenze nel periodo natalizio

Un giovane operatore ci invia la sua visione.

Il Natale è alle porte e noi dell’ufficio traffico dobbiamo farci trovare pronti alle richieste dei nostri partner. Sto parlando nello specifico della gestione delle urgenze. Nel mio lavoro è un aspetto molto importante, perché farsi trovare pronti e garantirne la riuscita, consente di far guadagnare alla propria azienda delle medaglie al petto che io chiamo “affidabilità”. Pensateci bene, ogni tipo di rapporto sincero e duraturo che abbiamo nella nostra vita si basa sulla fiducia. Di conseguenza se mettiamo in condizione il nostro partner di far crescere il proprio business, rendendolo sicuro di poter prendere in carico richieste “particolari” di potenziali nuovi clienti, facendosi forza dell’AFFIDABILTA’ del suo vettore di fiducia, allora a vincere SAREMO TUTTI.

Andando nello specifico e quindi nella gestione, vi assicuro che non è affatto semplice perché di solito queste richieste urgenti arrivano quando la programmazione che avevamo deciso per i nostri camion e già compromessa per ritardi agli scarichi, problemi di ore di guida e di impegno, problemi meccanici vari, eccetera, ti indurrebbe a rispondere al cliente: “Mi dispiace, non riesco”. Ma in quel momento però dobbiamo saper gestire la pressione, lo stress, bisogna avere forza mentale di scegliere il silenzio, isolarsi e rendersi conto che quello in realtà “è il nostro momento” per fare la differenza e mettere al petto della nostra azienda quella medaglia di cui parlavo prima.

Con il mio team di lavoro mettiamo sul piatto le idee, ci si confronta, anche in modo duro se è necessario, senza perdere però l’obiettivo che deve essere comune a tutti noi, ovvero la riuscita dell’incarico e soprattutto che l’azienda non subisca perdite generando km a vuoto. E’ li che trasformiamo l’opera d’arte in capolavoro. Cito una frase significativa di Nelson Mandela: “Non perdo mai: o vinco, o imparo”.

Una volta stabilita la strategia, parte il processo di contrattazione con l’autista e quella è la partita più importante. La riuscita dipende esclusivamente da lui, sarà lui il conducente non solo del camion ma del NOSTRO sogno.

Per questo, in fase di dialogo, cerco sempre di trasmettergli la mia voglia, l’entusiasmo, il risultato che ci porterà quella vittoria. Credo fortemente che essere individualisti o ragionare solo con le proprie idee, ti permetta di focalizzarti solo su ciò che hai davanti; mentre la collaborazione ti permette di goderti il paesaggio. Quindi si vince non facendo leva sul nostro IO, ma con il NOI. Detto questo, mai pensare di non farcela perché indirettamente lo trasmetti al tuo interlocutore, in questo caso specifico gli autisti.

Giovanni Leone (Bacotrans srl)
Avellino