Sabato, 27 Luglio 2019 08:34

Galaxy Fold: provaci ancora, Samsung!

Da settembre sarà in commercio lo smartphone con schermo pieghevole, dopo i gravi problemi strutturali che ne hanno rinviato l’uscita.

Da Seoul è giunta in questi giorni la notizia che Samsung Electronics inizierà a vendere il Fold, lo smartphone a schermo pieghevole, durante il mese di settembre. Il lancio, inizialmente previsto per giugno, è stato poi posticipato a causa di difetti strutturali individuati dai beta-tester, ovvero i primi “fortunati” possessori del dispositivo, soprattutto giornalisti specializzati, ai quali era stato richiesto un parere riguardo l’utilizzo quotidiano.

Samsung, il più grande produttore di smartphone al mondo, ha promesso di aver risolto i problemi, modificando la protezione superiore del dispositivo, rafforzando le cerniere e aggiungendo una diversa pellicola per lo schermo. Pare che proprio quest’ultima sia stato uno dei motivi principali dello scandalo, che negli U.S.A. è stato addirittura ribattezzato con l’hashtag #peelgate.

I primi dispositivi, infatti, hanno presentato rigonfiamenti e rotture involontarie del display poco dopo che gli utenti avevano rimosso lo strato protettivo. Samsung ha quindi rilasciato una comunicazione ufficiale nella quale afferma: “La pellicola fa parte della struttura del display ed è progettata per proteggere lo schermo da graffi involontari. Il display principale del Galaxy Fold è realizzato con un nuovo strato avanzato di polimero e adesivo che è abbastanza flessibile e durevole da resistere a ripetute azioni di piegatura. Lo strato protettivo extra è stato aggiunto per proteggere dagli impatti, ed è per questo che non dovrebbe essere rimosso con la forza.”

Una maniera molto costosa di istruire gli utenti finali, dato che il richiamo dei dispositivi e il lancio posticipato sono costati all’azienda sud-coreana la cancellazione di tutte le prenotazioni, e un calo del 8% delle spedizioni nel Q1 del 2019. Il danno di immagine, che ricorda molto il ritiro dal mercato “dell’esplosivo” Note 7, non ha consentito a Samsung di approfittare della battuta d’arresto subita da Huawei a causa delle restrizioni statunitensi. Uno a uno e palla al centro, verrebbe da dire.

Il gigante della tecnologia ha riposto grandi speranze nell’innovazione dello schermo pieghevole. Una volta chiuso, lo schermo esterno del Fold sarà da 4,6 pollici. Un effetto nostalgia che richiamerà alla memoria i primi smartphone, veramente tascabili. Sarà possibile effettuare chiamate e visualizzare notifiche, tutto ciò che serve ad un utente business per la maggior parte della giornata. Ma quando si vorrà staccare un po’ la spina, si potrà guardare un video o navigare su internet aprendo il telefono. Ed ecco un display “Infinity Flex” da 7,3 pollici di forma quadrata.

L’idea è vincente ed è il motivo per il quale (costi a parte) Samsung non intende rinunciarvi e non può assolutamente fallire. Secondo la portavoce della casa di Seoul, tutte le unità spedite prossimamente includeranno una guida rapida con informazioni sullo strato protettivo. Per evitare una seconda puntata del #peelgate.