Giovedì, 12 Settembre 2019 07:33

RECENSIONE - LG G8s ThinQ

La sua CPU tiene testa al 58% dei concorrenti, e la scheda grafica è migliore dell’81% degli avversari. Buona anche l’esperienza utente, migliore del 69% degli altri, mentre la memoria è il suo punto debole: 6 telefonini su 10 hanno prestazioni migliori in ambito di ROM e RAM.

Abbiamo provato il top di gamma di LG: G8s ThinQ. Sbarcato in Italia a inizio giugno, questo dispositivo è passato quasi inosservato. Eppure ha un processore Snapdragon 855, tripla fotocamera, 128Gb di memoria e 6Gb di RAM. Estraendolo dalla confezione ci piace subito il touch feeling: le dimensioni ergonomiche e il peso (181g) consentono una buona maneggevolezza. Lo spessore è di appena 8mm e le linee sono morbide ed eleganti. Le lenti posteriori sono praticamente a filo con la scocca.

All’interno della scatola troviamo una custodia in silicone, un caricabatteria rapido che consente di portare da 0 a 100 la batteria in 1 ora e mezza circa, cavo UBS Type-C e una coppia di auricolari con connettore jack 3,5mm.

Una volta acceso, il display oled da 6,21” fa bella mostra di sé. I colori sono caldi e non troppo saturi, buona la luminosità. Peccato per la tacca superiore dello schermo, la parte occupata da fotocamera e sensori, è praticamente identica a quella di iPhone XR: ormai esistono soluzioni esteticamente più valide.

Il software di migrazione dati è nettamente migliorato rispetto ai precedenti di casa LG. In pochi passaggi abbiamo trasferito correttamente rubrica, applicazioni, foto e video dal nostro “vecchio” device. Carina anche l’animazione: un contenitore che si svuota sul dispositivo precedente, per riempirsi sul nuovo.

La novità di LG G8s ThinQ è la possibilità di sbloccarlo con la sola imposizione della mano. Il sensore ad infrarossi posto a lato della lente selfie, infatti, consente di leggere il reticolato venoso del palmo del proprietario. Un altro sensore (ToF) unito alla fotocamera frontale permette di comandare lo smartphone con semplici gesti. Sinceramente lo abbiamo trovato poco utile nella vita di tutti i giorni, e molto spesso non ha funzionato.

Molto belli i selfie (a 8MP), con una messa a fuoco rapida anche quando ci si sposta velocemente. Le fotocamere posteriori sono una da 12MP con stabilizzatore ottico, una grandangolare da 13MP e un teleobiettivo 2x da 12MP. Tutte lavorano con intelligenza artificiale, per cui siamo riusciti ad ottenere ottimi scatti senza nessuno sforzo. Buona la resa anche in condizioni di scarsa luminosità.

Come di consueto, abbiamo testato questo smartphone con l’app di AnTuTu per metterlo a confronto in maniera oggettiva con i competitor. LG G8s ThinQ ha ottenuto un punteggio di 291.360, arrivando al 21esimo posto della classifica. La CPU tiene testa al 58% dei concorrenti, e la scheda grafica è migliore dell’81% degli avversari. Buona anche l’esperienza utente, migliore del 69% degli altri, mentre la memoria è il suo punto debole: 6 telefonini su 10 hanno prestazioni migliori in ambito di ROM e RAM.

20190811_151916.jpg

Cosa ci piace:
I valori SAR di questo telefonino sono di 0,482 W/kg per la testa e 1.587 W/kg per il corpo. Abbondantemente al di sotto dei limiti europei.
Ha NFC per pagamenti contactless ed è predisposto per la ricarica wireless.
LG G8s ThinQ è IP68 (resiste ad acqua e polvere) e con certificazione militare STD-810G per robustezza.

Cosa non ci piace:
Avremmo rinunciato alla “lettura della mano”, a favore di una notch (tacca) meno invasiva.
La batteria (3550 mAh) non lo rende un mostro di autonomia.
Il prezzo di 769 euro ci sembra fuori mercato per ciò che offre.

In conclusione possiamo dire che le prestazioni di questo smartphone non sono all’altezza degli altri top di gamma in distribuzione nella stessa fascia di prezzo, ma ha caratteristiche costruttive da prodotto premium. Potrebbe rappresentare un buon investimento per chi è alla ricerca di un cellulare robusto e maneggevole per affrontare la vita di tutti i giorni. Anche se consigliamo di attendere ancora qualche mese: il precedente LG G7 ThinQ, uscito l’anno scorso, ormai si trova facilmente intorno ai 300 euro. Probabilmente questo modello subirà la stessa valutazione, e allora potrebbe essere molto interessante per una larga fetta di utenti.

Altro in questa categoria: « RECENSIONE - Samsung Galaxy Note 10+