Lunedì, 11 Marzo 2019 10:01

Elettrodomestici da incasso, tanta tecnologia (utile)

Dalla cottura a vapore alle app, passando per sensori di umidità e sonde per monitorare la temperatura.

Se esiste un settore del Made in Italy dove possiamo ancora vantare un vantaggio strategico, economico e industriale di gran lunga avanti rispetto al resto del mondo, sicuramente si tratta del mondo delle cucine e dell'incasso. Pensiamo, ad esempio, che la totalità dei maggiori marchi mondiali che costruiscono piani cottura, che siano brand coreani, tedeschi o americani, si rivolgono a due aziende del nord Italia che praticamente, da sole, servono tutto il mondo. Il canale dell'incasso è poi molto particolare in Italia, con più di 15 mila negozi di cucine che vendono in abbinata gli elettrodomestici, mentre la grande distribuzione generalista si occupa prevalentemente della sostituzione. Una delle ultime tendenze è quella di avvicinare questi due mondi: esistono distributori di cucina che, per dare un servizio in più, si occupano anche della vita post vendita dell'incasso, mentre nei punti vendita di elettronica di consumo si iniziano a vendere kit di cucine insieme a forno e piano cottura. Nel resto del mondo, invece, ognuno fa "il suo lavoro". Si potrebbe pensare che questo sia un universo statico, tradizionalista e poco ricettivo al cambiamento. Ebbene è esattamente l'opposto. In Italia, innanzitutto, il mercato è in costante crescita sia per volumi che a valore (fattore importantissimo in un settore dove i margini sono ormai un lontano ricordo dei bei tempi andati).

Le ultime innovazioni tecnologiche, inoltre, stanno convincendo tanti consumatori ad effettuare acquisti migliorativi dei propri elettrodomestici. Pensiamo ad esempio alla cottura a vapore, settore in netta ascesa che fa segnare addirittura un +50% di vendite di anno in anno. Pensiamo ai forni a doppio scomparto che permettono di cucinare a due temperature diverse contemporaneamente, oppure di utilizzare solo metà forno per risparmiare energia. Doveroso parlare anche della domotica, ormai infiltrata a tutti i livelli, arrivata anche nella cottura attraverso alcuni forni che possono essere gestiti e controllati via "app". Ma le novità sono ancora tante e tutte da scoprire: sensori di umidità, sonde per la temperatura con cui monitorare la cottura in tempo reale, controlli touch screen con schermi a colori per la selezione di ricette e modalità. Per quanto riguarda i piani cottura, doveroso parlare della crescita esponenziale dei sistemi a induzione. Dopo una iniziale e comprensibile inerzia nel nostro mercato, così legato alla tradizione e alla "fiamma libera", la cottura a induzione sta iniziando a macinare numeri veramente importanti, complici le nuove norme di costruzione che impongono case senza gas per ottenere classi energetiche migliori. Il design è sicuramente uno dei fattori più importanti, ma non mancano le novità anche in questo campo: cappe integrate (manderanno in pensione le vecchie?), filtri combinati direttamente sul piano, sistemi aspiranti al centro del piano cottura. Come è evidente insomma, tutto il mondo dell'incasso è in deciso fermento e capace di produrre novità e innovazione ogni anno. La vera sfida, oggi, è trasmettere tutte queste informazioni al cliente finale e fargli percepire il valore aggiunto di questi prodotti. Che è enorme. (claudio camboni)