Sabato, 27 Ottobre 2018 19:14

Un'unica app per tutti i dispositivi della smart home

Si chiama Solomio, è una piattaforma personale che riunisce tutti i dispositivi IoT, di qualunque marca.

Ci siamo abituati: con l’acquisto di un servizio o di un apparecchio IoT, scarichiamo una nuova app sul nostro smartphone. Così capita che, secondo alcune statistiche, le iconcine sul nostro display arrivino a superare il centinaio, mentre mediamente quelle che usiamo ogni giorno sono solo cinque o sei. Se limitiamo il campo alla sfera delle applicazioni domestiche, le app necessarie alla gestione della smart home possono arrivare alla decina: luci, telecamere, impianto termico, e poi forno, lavatrice, magari il robot aspirapolvere, magari la macchina per il caffè. Ma esiste una alternativa: riunire tutti i nostri apparecchi smart in una unica app. Si chiama Solomio, si basa su una tecnologia open, senza limiti di integrazione,  una piattaforma modulabile sulle esigenze personali del padrone di casa, che implementa i dispositivi connessi, indipendentemente dalla marca o dal produttore, una unica app che diventa una personale consolle di smart automation. Non è un prodotto fai da te, la piattaforma è risultato di un servizio di consulenza, progettazione e installazione prestato da un team di tecnici e progettisti della app Solomio.

La piattaforma è stata pensata principalmente per gestire le soluzioni impiantistiche di smart automation, ma può controllare  la maggior parte dei dispositivi con funzione di connettività. I consulenti di Solomio raccolgono le esigenze del committente, scelgono i migliori dispositivi sul mercato e implementano in piattaforma: la tecnologia si interfaccia con i principali protocolli di comunicazione, sia tradizionali che proprietari del settore elettrico e del comfort. Il costo di Solomio riguarda la progettazione e la sua implementazione, non prevede invece canoni per abbonamento o spazi cloud, i dati del dispositivo rimangono all’interno di ciascuna casa. La rivoluzione digitale esige una nuova figura professionale: lo specialista di smart automation.

Altro in questa categoria: « IFA 2018. Un futuro da incapaci?