Venerdì, 01 Marzo 2019 15:50

Unieuro avvia l’integrazione dei negozi Pistone e punta a 20 punti vendita diretti in Sicilia

A Carini (Pa) la piattaforma logistica al servizio dei clienti siciliani e calabresi. In arrivo la campagna di comunicazione a supporto del rebranding. Giuseppe Pistone collabora con l'insegna per individuare nuove opportunità di sviluppo.

Unieuro ha avviato ufficialmente l’integrazione dei 12 negozi siciliani appartenuti a Pistone S.p.A. e collocati a Palermo (nei centri commerciali Città Mercato, Guadagna, La Torre e Ai Leoni), Carini, Alcamo, Catania (nei centri commerciali I Portali e La Rena), Agrigento, Trapani, Mazara del Vallo e Marsala. Con il perfezionamento dell’operazione, il management di Unieuro ha incontrato i 277 nuovi dipendenti siciliani, illustrando loro il percorso di integrazione. “Siamo arrivati in Sicilia acquistando la rete di negozi migliore dell’intera regione ed è nostra intenzione preservare il patrimonio di competenze costruito negli anni dalla famiglia Pistone e dai suoi collaboratori. L’approccio omnicanale e gli investimenti in digitalizzazione e marketing posti in essere da Unieuro consentiranno un più rapido sviluppo delle attività siciliane e, di pari passo, dell’occupazione”, ha dichiarato Giancarlo Nicosanti Monterastelli, Amministratore Delegato di Unieuro.

I piani di sviluppo
L’acquisizione dei negozi Pistone porta a 13 i punti vendita diretti Unieuro in Sicilia. L’obiettivo dell’insegna è arrivare ad almeno 20 punti vendita diretti nel medio-lungo termine, anche grazie al supporto di Giuseppe Pistone, che metterà a disposizione di Unieuro la propria capacità imprenditoriale e conoscenza del territorio per individuare nuove opportunità di sviluppo nell’isola. Un primo passo in tale direzione potrebbe avvenire già in primavera, con l’apertura di un nuovo punto vendita nel centro di Gela, in una provincia – quella di Caltanissetta – non ancora presidiata direttamente. Il progetto è al momento in via di finalizzazione. Per sostenere i piani di crescita e offrire il miglior servizio possibile, Unieuro potrà contare sull’hub logistico di Carini: 10.000 mq a supporto della piattaforma centrale di Piacenza, migliorando sensibilmente il servizio ai clienti siciliani e sviluppando sinergie di costo nel rifornimento dei punti vendita diretti e indiretti situati in Sicilia e in Calabria, nonché nelle consegne a domicilio ai clienti web. In continuità con quanto avvenuto fino ad oggi, la movimentazione delle merci nella piattaforma di Carini continuerà ad essere appannaggio della Pistone S.p.A., garantendo così gli attuali livelli occupazionali.

L’integrazione nella rete dell'insegna
L’integrazione dei 12 negozi Pistone è partita immediatamente, supportata da oltre 60 esperti Unieuro che affiancheranno gli attuali dipendenti nelle attività inventariali e nell’implementazione dei nuovi sistemi informatici. “E’ nostra intenzione conservare le specificità dei negozi acquisiti in termini di servizio al cliente - ha dichiarato Luigi Fusco, Chief Operations Officer -., rafforzandole con le nostre politiche omnicanale. Siamo persuasi che la squadra che ci lascia in eredità Pistone sia di ottimo livello: un terreno fertile su cui investiremo in formazione e - compatibilmente con gli obiettivi di crescita - ampliamento degli organici. Nel fare ciò, daremo la precedenza ai colleghi dei punti vendita di Messina e Siracusa, chiusi lo scorso anno, e ai dipendenti siciliani di Unieuro che operano sul territorio nazionale, desiderosi di tornare a vivere nella propria regione d’origine”. I 12 negozi riapriranno al pubblico già domani, sebbene l’adozione dell’insegna Unieuro non sarà istantanea e concomitante in tutti i punti vendita. Il rebranding verrà comunque completato nell’arco di poche settimane e celebrato con una campagna di comunicazione ad hoc.