Consumatori

Tra aggressività che parte in modo automatico e senza alcuna giustificazione, toni che andrebbero bene per un posteggiatore abusivo e il solito "so tutto io". Tutto questo significa avere addetti appassionati e formati per sopportare pressioni e provocazioni. Ma la passione va favorita e coltivata. E questo è il compito principale dell'imprenditore modermo del retail. 

Una recente ricerca della Doxa accende i riflettori sul rapporto tra gli over 60 e la tecnologia. Quasi tutti possiedono un cellulare e nella metà dei casi si tratta di uno smartphone.

Dal cacciatore di offerte al sapientino, passando per il perditempo, il frettoloso e il viziato.

In Italia aumentano complessivamente di 21,14 miliardi di euro. Il settore casa registra un +2% e l’e-commerce vola a 27,4 miliardi (+16%). Nasce intanto l’era del consumatore connesso, che acquista sempre più spesso beni collegabili alla rete domestica, multifunzionali e di fascia premium.

I dati delle vendite del Black Friday 2018 dimostrano come l'offline resti un punto fermo per i consumatori in occasione dei loro acquisti.

Secondo l’Osservatorio mensile Findomestic il “Rent” cresce nei comparti mobilità e telefonia ma si sta allargando anche ad altri settori.

L'associazione di consumatori si dichiara favorevole al ritorno a una regolamentazione delle aperture degli esercizi commerciali.

E’ una organizzazione senza scopo di lucro che si pone l’obiettivo di promuovere l’uso etico delle nuove tecnologie.

Post-vendita: quelle fasi in cui l’addetto può rivelarsi determinante. Ma poi finisce che il direttore gli tiri le orecchie perché alla cliente non ha venduto un prodotto nuovo per sostituire quello che non “funziona”.

Ma il primo potrebbe spendere di più, mentre il secondo vuole spendere di meno. Anche se i confini tra le due categorie diventano sempre più labili.

Pagina 3 di 39