Retail

Impossibile pensare di tornare ai volumi di vendite che per anni abbiamo ritenuto normali. E allora…

Anche nel 2020 il progetto formativo del gruppo guidato da Giacomo Benedettini coinvolgerà la nostra rivista.

A firmare l'articolo è l'addetto di una grande insegna che si cela dietro lo pseudonimo di Edgar. Uno spunto, tra i tantissimi, per migliorare l'organizzazione del lavoro dopo l'emergenza sanitaria.

Il sito web dell'insegna indica anche le raccomandazioni rivolte ai clienti.

Seconda puntata del nostro viaggio tra i punti vendita di prossimità che hanno continuato a lavorare nel pieno dell’emergenza sanitaria. Senza dimenticare anche tanta solidarietà.

Secondo fonti non ufficiali, a partire da martedì 14 aprile una manciata di punti vendita alzerebbe le serrande tra le ore 10 e le 19, e solo nei giorni feriali.

In questo periodo di quarantena è bene riflettere su come sia possibile migliorare il rapporto punto vendita-consumatore finale. 

L’emergenza sanitaria non era neppure esplosa in tutta la sua gravità che già partivano mail nelle quali alcuni operatori del trade chiedevano ai loro fornitori di rinviare i pagamenti, anche di diversi mesi.

Consegna, ritiro e installazione del prodotto: tre fronti ancora aperti per il trade tradizionale.

Riceviamo una testimonianza che porta un contributo interessante al dibattito che in queste settimane si è rincorso sui social network. Per questo la pubblichiamo.

Pagina 4 di 71